Read The Journal of Dora Damage by Belinda Starling Online

the-journal-of-dora-damage

In the tradition of Sarah Waters, a rich, sweeping historical novel set in Victorian London, about a bookbinder's wife who, to save her family, must take over her husband's business.London, 1860: On the brink of destitution, Dora Damage illicitly takes over her ailing husband's bookbinding business, only to find herself lured into binding expensive volumes of pornography cIn the tradition of Sarah Waters, a rich, sweeping historical novel set in Victorian London, about a bookbinder's wife who, to save her family, must take over her husband's business.London, 1860: On the brink of destitution, Dora Damage illicitly takes over her ailing husband's bookbinding business, only to find herself lured into binding expensive volumes of pornography commissioned by aristocratic roués. Dora's charm and indefatigable spirit carry her through this rude awakening as she contends with violent debt collectors, an epileptic daughter, evil doctors, a rheumatic husband, errant workmen, nosy neighbors, and a constant stream of wealthy dilettantes. When she suddenly finds herself forced to offer an internship to a mysterious, fugitive American slave, Dora realizes she has been pulled into in an illegal trade of sex, money, and deceit.The Journal of Dora Damage whips up a vision of London when it was the largest city in the world, grappling with the filth produced by a swollen population. Against a backdrop of power and politics, work and idleness, conservatism and abolitionism, Belinda Starling explores the restrictions of gender, class and race, the ties of family and love, and the price of freedom in this wholly engrossing debut novel....

Title : The Journal of Dora Damage
Author :
Rating :
ISBN : 9781596913363
Format Type : Hardcover
Number of Pages : 464 Pages
Status : Available For Download
Last checked : 21 Minutes ago!

The Journal of Dora Damage Reviews

  • Renee
    2018-11-30 13:23

    Okay book. About a poor woman in 1860s London who takes over her husband's book-binding business when his health deteriorates. Wonderful setting and characters. Charming writing. Interesting and very unique plotline. I liked it up until a certain point between the middle and end, where the story went into an odd and rather absurd place for me. Because the beginning was all so realistic, with a large part dedicated to showing how Dora manages to make due with the little her family has, when it crossed the point into absurdity, I felt it very strongly. Just alright for me. Find more book reviews at A Quick Red Fox.

  • NocturnalBlaze
    2018-11-16 13:24

    Se siete interessati al periodo vittoriano ed avete voglia di leggere uno scorrevole romanzo storico, questo volume potrebbe essere una buona scelta: è coinvolgente, riesce molto bene a rappresentare l'atmosfera e le abitudini del contesto storico in cui è ambientato e presenta una vicenda piuttosto curiosa, una dimensione insolita, ma affascinante. Ciò che ho apprezzato maggiormente di questo romanzo è sicuramente l'attenzione alla rappresentazione storica. Nel raccontare le vicende della protagonista e del suo lavoro come rilegatrice, grande cura è impiegata nel descrivere la quotidianità, le abitudini, i piccoli dettagli ed il contesto sociale, tutti elementi che, per un'appassionata di storia come me, hanno rappresentato un punto d'interesse veramente notevole. Collegato a questo, è molto appassionante il discorso che viene portato avanti sul femminismo, che inevitabilmente si collega alla vita della protagonista, una donna che lavora per vivere in un'epoca in cui farlo viene considerato sconveniente, che entra in contatto con opere proibite, che parlano di libertà e sessualità, che le permettono pian piano di emanciparsi, di aprire gli occhi sul mondo. Moralità di facciata, tipica dell'epoca vittoriana, che si scontra con più sordidi atteggiamenti privati, libertà della donna che si scontra con il pregiudizio (sia rispetto al lavoro che rispetto all'interesse nei confronti del diverso), tutti temi che vengono analizzati in maniera abbastanza completa. Qualche difetto è comunque presente: la caratterizzazione dei personaggi secondari non sempre è efficace, lo stile talvolta suona un po' stonato, il modo in cui vengono risolte alcune vicende e le tangenti che qualche volta vengono imboccate risultano quasi eccessive, nel finale si assiste ad una svolta quasi thriller che probabilmente poteva essere molto stemperata. Nel complesso, comunque, una lettura molto scorrevole, che affronta tematiche che possono incuriosire (fra le tante, il ruolo della donna, lo schiavismo, la morale - a cui si collega un interessante discorso sulla letteratura erotica -, i rapporti matrimoniali, la malattia) e che presenta attraverso una vicenda avvincente uno spaccato fedele del contesto storico d'ambientazione, un romanzo storico che può valer la pena d'essere letto.

  • Andi
    2018-12-04 12:05

    The Journal of Dora Damage is a wonderful book about a woman who takes over her husband's book binding business and falls into a job binding pornography for a secret society of London's upper crust. Dora finds herself on an intellectual and sexual journey that awakes her senses and puts her entire family in danger. Starling has crafted a beautiful tale full of intrigue and atmosphere. Sadly, the author passed away shortly after completing this book. Definitely give this wonderful book a shot.

  • Ava Black
    2018-11-15 10:19

    This is a hard book for me to rate because I think it had a lot of potential but, as it often happens, it did not stand up to it. When I pick up a novel I always look for:1) a great, strong - headed and strong - willed heroine! A girl who is not a frail woman who need other people ( especially men ) to tell her what to do. At the same time, my ideal heroine has her own flaws and is sensitive.2) A way with words. This is very simple, most of the books are written by people who, for me, shouldnt' even think to become writers, let alone publish something. I love words and I can't stand when the punctuation, spelling and grammar are incorrect. I can stand some errors, but a whole book written like a primary school pupil, just no.3)If I pick up a historical novel I want historical information ( but not too much, I am not reading a historical sum of facts, but a story) and the setting. I want the feeling to actually be there.4) A plot. It seems trivial, but there are some books that you read page after page waiting for them to start and you find out they are plotless.So, that being said, this novel has the first 3 points, and that' an accomplishment. Anyway, I did not like this book. Yes, I loved Dora Damage, she is strong, she is young but she is already married and mother to a little girl who suffers from epilepsy, she helps her husband with his work because he is becoming an invalid ( they work as bookbinders and actually Dora is very good at it, since it was her family business). I loved the first part of the book, it was kinda slow but I still hoped it was the anticipation of something like, well, the plot! Anyway, the author did a great job describing London during Victorian era, not only the town but also people's way of thinking and behaving. We stroll around Victorian London with Dora, and I enjoyed those rides. Anyway, after a while Dora starts to receive erotic books to bind, this is not a surprise and the sex references ( even if many of them were quite rude, and not poetic at all ) did not bother me at all, I think this topic could have been used in a better way to make modern readers know how Victorian women were used to behave. The characters are well described, they are not one dimensional and I loved how Dora had courage, spoke her own mind, she dealed with different kind of people including many men and, when her husband passes out, she take his job because she has always done her best to give to her daughter Lucinda something to eat and a secure, happy life. I thinks this is a great model because Dora has unconditional love to give, and love it what this book is about: because at the end I had the feeling Dora is a kinda sad person, forced to portrait the angel since she is a woman and she discoveres her own desires, which scares her a lot for most of the books. I liked the historical insight into the black people slavary in America, but I did not like Din, he was ambiguous and he has not enough charm to make Dora fall in love with him. At least, the writer writes about Dora and Din love, but I never felt it: it was lust, and curiosity because he was something forbidden for her and viceversa, but I don't think it was love. Anyway, the last part of the book is awful: the first is very well done, the middle is something like " ehmn, you already told this, why don't you start the story?" and the last part is, maybe, the one in which the story starts or ends, but I think everything could have been portrait differently, at one point the attention should have been switched from erotic books and sex and pornography to center in slavery and the rights of people, being them American black people or Victorian women. The book lost all its appeal and it's such a shame. I know the author died when she was 34 years old and is so sad, plus I think she could have written more and maybe she would have improved something to create better books, with tough plot beside the strong and very nice characters.Do I suggest it? Not really.If you are a historical fiction fan...: there are many historical fictions out there, especially set in Victorian London. I'd try something else.But if you love strong heroines, give this a try, since they are so hard to find!

  • Polo Lonergan
    2018-12-07 12:30

    I am not very squeamish when it comes to taboo topics, so to read something about the delightful deprivation of the Victorian pornographic trade was fascinating. The topic is one I have encountered before but never from this point of view - that of a female book-binder dragged into the business when her husband becomes ill and unable to work. The woman in question is Dora Damage. At the beginning of the book she is a beleaguered Victorian housewife with a husband who insists that women book-binders are proof the industry is going down the proverbial drain. His dogged insistence that all is well is thrown into the light when Dora realises her husband has drawn them into fantastic debt and on this bombshell, he reveals that the arthritis in his hands makes it impossible for him to work any longer.Threatened by eviction and terrifying debt collectors, Dora Damage shows her strength both in body and in character by picking up where her husband left off. She obtains a new client and begins binding books she never would have imagined before it began, and the adventure takes her on a road lined with disaster and triumph.Laced through with issues of gender, sexual freedom, racism, and depravity, it is a book I couldn't put down for a second. Though sometimes the descriptions of how the books were bound became a little arduous, the rest of the story more than made up for it.

  • Janie Johnson
    2018-11-26 13:17

    It was probably not a good idea for me to struggle through a historical fiction and then pick up another historical fiction after that, but that was exactly what I did. I was reading this one for my 'J' in the A-Z challenge. I have to say though that this one was surprisingly good. It started a bit slow but gradually got better. The difference between this one and the one before is the fact that there was a story to be told in this one.In this story we have our main character Dora Damage in the midst of the 19th century when women's worth meant nothing and slavery was slowly being abolished yet not recognized by many. Her husband owned a bindery company. He had an arthritic problem and soon could no longer do the binding of books and they became pretty poor. Dora took over the business after having to prove to her loathsome husband that she may be a woman but she was still capable of doing the work along side his apprentice. She was approached by Sir Jocelyn Knightly to bind manuscripts for him. Dora agrees and soon discovers that she is binding pornographic material. We read about Dora and her struggles with life.While reading this book I decided that I could never have survived the 19th century. I think the era was depicted very well by our Author in this story. Women were treated horribly as though they were worth a scrap of paper. It was appalling the way these women's husbands treated them as well. I know I would have never wanted to marry. Being an old maid would have been fine for me. Women were not really allowed any sexual urges, if they did they were considered whores by their own husbands and the rest of society as well. It was certainly a rough time to live. A lot of Self righteousness lived in the homes of the rich. There was no separation of Church and State in England at this time. So crimes of the sexual nature were prosecuted, often by hanging. Interracial anything was of course look down upon as well.The characters I find were very well created but sadly I could only connect with one and that being Dora. I have a lot of respect for her and what she stood for. I loved the way she fought for what was right and did not just go with the flow of things. How she fought for the survival of both her and her daughter Lucinda. However there were times when she would just go along with the way her husband treated her. She cared for him and did whatever he needed of her to only receive degrading remarks from him. That was really annoying to me. I also liked Din's character as well. He, just released from slavery, was also a very strong character who would fight for what he believed in. He was a huge help to Dora throughout the book. There were also several horrific villains as well whose roles were wrote out perfectly. The perfect villains, that as readers, we all love to hate.I recommend this book to anyone who likes Historical fiction and maybe even to those who don't particularly like that genre. There were some descriptive 'erotica' parts that Dora read within the books that were being bound but it was not too over the top. Overall enjoyed this book a lot and give it 3.5 stars.

  • Roberto
    2018-12-12 09:04

    Not many books finish with a note from another author (in this case, Boris Starling who happens to be Belinda´s brother telling us the unfortunate and untimely death of his sister immediately after she finished writing her debut novel - The Journal Of Dora Damage. It´s really sad that such a promising author had met such a ungrateful death especially when she shows in her first and only novel such talent. Sad, indeed,As for the novel itself, there were times when I pondered to review this book with 5 stars but, in my opinion, it loses "gas" in the last part and it left in me a sense that Belinda Starling was trying to fit too many subjects in a single novel: racism, pornography, the role of women in the 19th century, the hipocrisy of classes and so on. It felt like a too heavy meal.So , in earnest, I gave it four stars though it should have been 3 and half. Nonetheless, I liked reading it and I am sorry that we will not again the opportunity to testify Belinda Starling´s talent in other novels. Rest In Peace

  • Hazel
    2018-12-15 12:25

    Very promising first half. Starling has a nice touch with the prose, and is convincing on Dora's Victorian world. She's clearly done her research, and it was fascinating to learn about the craft of book-binding. I think in our age of mass-production, books have lost their uniqueness and individual worth. I love the idea of getting a bespoke binding for a favourite volume. I love the idea of the binder choosing materials to suit the book's content and the character of the reader. I want one. :-)I lost interest later on, and thought Starling let the plot get away from her. Such a pity she didn't live to produce more stories.

  • Annelie Bernar
    2018-12-05 09:27

    Questo romanzo è la storia di una donna,passionale, ribelle e determinata, che non si arrende alle avversità della vita, lottando con le regole non scritte della sua epoca ed intraprendendo un percorso di crescita che la porterà ad acquisire una nuova consapevolezza di sè e delle proprie capacità lavorative. Dora, infatti, trovandosi a dover sostituire il marito malato nella direzione della legatoria, scoprirà un nuovo ruolo e riuscirà, in qualche modo, a conciliare il suo destino di moglie e madre, con questa nuova opportunità che le si schiude dinanzi. Un grande affresco della seconda metà dell'Ottocento e di Londra : una città sporca, tetra, peccaminosa, con i suoi quartieri, i vicoli, le strade, ma anche gli usi e le consuetudini, che ci parlano di discriminazioni razziali e sessuali, di nobili corrotti, di dame viziose e di, appunto, libri proibiti. L'autrice dimostra un'abilità magistrale nel descrivere questo mondo dei rilegatori, con dovizia di particolari che denotano un grande lavoro di ricerca. Un romanzo intenso, coinvolgente per i temi trattati, ma soprattutto per quel rendere, raccontando i fatti in prima persona, il racconto molto reale. Un tuffo nella Londra dell'Ottocento, la scoperta di una grande eroina del suo tempo, donna determinata e coraggiosa nel prendere la vita nelle sue mani per essere l'artefice del suo destino, in tempi in cui il compito della donna era dimostrarsi sottomessa al marito ed occuparsi esclusivamente della casa e dei figli.

  • Claudia Sesto
    2018-12-11 15:25

    "Padronanza di sé. Ripensai a San Bartolomeo e al libro della nostra vita. La libera scelta comporta non poche responsabilità: dobbiamo scrivere la nostra storia con mano ferma."Il libro racconta la storia di Dora Damage, moglie del rilegatore Peter, un uomo in pessime condizioni di salute a causa dei reumatismi, hanno una figlia Lucinda, che soffre di crisi epilettiche, la Legatoria soffre dei problemi di salute del padrone, ha poche commissioni e il marito, all'insaputa della moglie, ha contratto un debito con uno strozzino.La situazione per Dora non è delle migliori ed è costretta per il bene della famiglia, ad assumere il controllo della Legatoria, lei figlia e moglie di un rilegatore, non è del tutto sprovvista dell'arte necessaria, anzi grazie ad intuito e femminilità darà un tocco eccezionale alle sue opere, usando anche materiali alternativi come stoffe, piccoli oggetti decorativi e ai suoi delicati, splendidi ed originali disegni, che adatta e varia a seconda del contenuto dei libri stessi.Piano piano si fa apprezzare da una cerchia di signori molto in vista, che la assumono sotto lo stretto controllo di Diprose, un uomo viscido, infido, cattivo e bugiardo, il suo lavoro assume contorni non del tutto leciti, perchè i libri ai quali è costretta a lavorare, sono opere di dubbia decenza morale per l'epoca, alcuni sono di carattere medico-scientifico ed altri di carattere pornografico, ma la donna contro il suo modo di pensare è costretta comunque a far quei lavori per il necessario sostentamento della sua famiglia."Anche se era difficile parlare di normalità nel mio mondo, un mondo dominato da potenti signori che mi avevano regalato un abito da lutto troppo elegante per me, ben sapendo che avrei dovuto riprendere subito il lavoro, un mondo popolato di ipocriti come i miei vicini che volevano vedermi recitare la parte della vedovella, pur sapendo che ero sempre stata io a portare i calzoni! Quando si trattava del -gentil sesso- l'importanza era, come al solito, salvare le apparenze: per le strade sarei stata una donna in gramaglie, ma al riparo delle mura domestiche avrei dovuto lavorare come un uomo."Questo libro tratta molti argomenti ed i personaggi che ne fanno parte hanno ognuno uno scopo per far risaltare ancor di più quello che rappresentano:Dora, è una donna dal carattere volitivo, che non si scoraggia, diventa padrona del proprio destino, si destreggia tra uomini ricchi ed equivoci, senza mai perdere la dignità e con grande personalità affronta pericoli e difficoltà dalle quali non può sfuggire, incontra il grande amore della sua vita e lo vive senza remore e recriminazioni (emancipazione);Din, il nero che casualmente si trova a lavorare nella legatoria, ci racconta della schiavitù sofferta in America, un uomo intelligente, che sa leggere e scrivere, che cerca la libertà ed il riscatto per il suo popolo che soffre ancora nelle piantagioni, coraggioso, onesto, che segue un ideale che vuole realizzare a costo della propria vita e del vero amore (schiavitù/libertà);Jocelyn Knigthley, il ricco medico che gira il mondo per scoprire nuove tecniche curative, equivoco, affascinante e pericoloso, che nasconde un segreto che gli fa compiere un'azione scellerata solo per salvare le apparenze nei confronti della società e dei suoi amici che operano in una confraternita e che sono tutti ossessionati da manie perverse (potere e vizi);signora Eales, la vicina di casa di Dora, pettegola, curiosa, che ama la morte ed è felice del dolore degli altri, che condiziona le altre donne del quartiere insinuando cattiverie sull'integrità morale della rilegatrice perchè troppo diversa da loro, forte e caparbia, che non si piega alle regole di una società vecchia e chiusa (invidia e ottusità);Silvya Knigthley, moglie del ricco medico, che improvvisamente, con un bimbo appena nato, viene lasciata, nessuno l'aiuta, tranne Dora, è costretta a scoprire che fuori dalla sua splendida casa c'è povertà, freddo e pericoli, all'inizio è una donna frivola e sciocca, ma di fronte ai problemi matura diventando risoluta e determinata, cresce con amore il figlio senza ritornare nel mondo ovattato e finto che ha lasciato, crea un rapporto speciale con la donna e la figlia che l'hanno aiutata nel momento peggiore della sua vita e l'hanno accolta nella loro misera casa (amicizia).Concludendo questo è stato per me, un libro dalla storia originale, che consiglio perché fa riflettere e pensare, da coraggio e forza alle donne che non si vogliono arrendere mai."Soffri e ti rafforzi: il bene si pasce del dolore, sovente giova all'inferno un amore liquore."

  • Pinkerton
    2018-12-15 10:25

    Dopo aver letto 1/3 del libro mi son fatto il punto della situazione. L’autrice ha posto l’eroina di questo romanzo nella posizione più facile per accattivarsi le simpatie dei lettori, dilungandosi, a mio avviso, un po’ troppo proprio su questo punto. Un marito, il rilegatore Damage (già il cognome è un programma), freddo come un pezzo di ghiaccio sotto le coperte che si scalda solo quando da in escandescenza per rimproverare alla moglie l’inettitudine insita non solo in lei ma in tutte quante le donne, il suo continuo voler essere al centro dell’attenzione, i costumi bigotti a cui si adegua senza battere ciglio e la totale mancanza di manifestazioni d’affetto da parte dell’uomo verso la figlia.Figlia appunto vittima di un problema di salute che, a causa del suo manifestarsi ripetuto ed improvviso, lascia sempre la donna col fiato sospeso ed in preda all’ansia. La tragica situazione economica, lo strozzino, quell’antipatico e altezzoso di Diprose di cui però non può fare a meno per tirare avanti, l’estenuante cura della casa, i lavori pesanti, il camminare da sola in mezzo alla folla vittima degli sguardi, l’attraversare viuzze poco raccomandabili e chi più ne ha più ne metta… come si fa ad avercela con una che ce le ha già addosso tutte? come si fa a non provare antipatia per il comportamento del marito? con questo intendo dire che l’autrice mette Dora in una posizione di favore agli occhi di chi legge, cosa che fra l’altro viene fatta molto bene, l’unico difetto, come già detto, sta nel fatto che situazioni che ribadiscono questo concetto già espresso tendono a ripetersi svariate volte ed in modo poco dissimile dalle precedenti.La storia sembra prendere una piega diversa ora che sono comparsi sulla scena i coniugi Knightley, mentre l’uomo le commissiona libri a profusione (non mancando mai di ricompensarla economicamente), la donna le affida un nuovo lavorante, un uomo di colore giunto dall’America, di cui si era interessata data la sua campagna di lotta contro la schiavitù e che per la signora Damage significa due mani in più disposte ad aiutare o sostituire le sue ormai stanche e trascurate.Per quanto riguarda la licenziosità dei libri da rilegare al momento il tema è stato appena accennato, nonostante abbia già dato un forte contributo all’evoluzione della trama.Giunto a 2/3 del libro, la nostra protagonista, Dora Damage, si accorge dell’altro lato della medaglia incappando negli aspetti più sordidi e pericolosi della sua nuova attività.Innanzitutto “Les Sauvages Nobles”, la cricca di autori capeggiata da sir Knightley, tutti alti funzionari o gente importante quanto ipocrita, morigeratori in pubblico che (sotto pseudonimo) affidano alla carta le proprie inclinazioni perverse, e non mi riferisco a novelle licenziose, ma a racconti, litografie e fotografie raccapriccianti che hanno disgustato tanto la signora Damage quanto il più rude assistente Jack. Vedere queste persone dal vivo l’ha come riportata alla realtà mettendola di fronte non ad un gruppo di emancipati, arzilli e compiacenti uomini, bensì a dei potenti che perseguono i propri interessi e trastulli, disposti a schiacciare senza remore chi si metta sulla loro strada, una cosa che l’ha lasciata non solo delusa ma soprattutto sconvolta… per non parlare dello stesso sir Knightley che intende operare la piccola Lucinda, figlia di Dora, sottoponendola ad una clitoridectomia (ovvero l’escissione o amputazione della clitoride) per curarla definitivamente dalle crisi convulsive dovute all’eccesso di desiderio sessuale, a quanto dice sir Knightley… dopotutto chi potrebbe contraddirlo, è uno dei più eminenti medici d’Inghilterra, mentre Dora è ormai considerata alla stregua di una donnaccia e si sa che certi caratteri, quali la lussuria, sono ereditari - ovviamente secondo il pensiero comune (e bigotto) della gente.Con Diprose, l’uomo che le passa i libri da rilegare, non va certo meglio, oltre alla brutta avventura nel suo negozio con la buoncostume, la donna ormai è controllata a vista dagli sgherri del libraio e si pretendono da lei garanzie sugli assistenti che non devono lasciar trapelare nulla, in particolar modo si riferiscono a Din (l’uomo di colore) e Pansy la nuova ragazzina appena assunta per far fronte anche agli impegni domestici dato che la donna è ormai oberata dal lavoro.Di Din veniamo a scoprire un paio di cose, per primo che l’uomo è costretto ad umiliarsi, abbigliandosi da zulù e inscenando una sorta di spettacolino, per appagare (paradossalmente) proprio quelle signore tanto liberali che l’hanno aiutato a fuggire dalla schiavitù. Si scopre anche che l’uomo partecipa a delle riunioni segrete che mirano alla secessione americana e a mettere in ginocchio la Confederazione attraverso il rapimento del suo maggior esponente. Inoltre le pulsioni che la nostra protagonista prova per Din si fanno sempre più insistenti, Dora cerca un motivo, sarà per via di quei racconti che legge, o per il gusto del proibito, fatto sta che resistere anche al semplice desiderio di toccarlo diventa sempre più difficile e la donna cerca di trincerarsi dietro un “sopporta e fortificati”.Per ultimo, ma non meno importante, il decesso del marito Peter Damage, schiattato in circostanze assai sospette secondo la moglie. Guardacaso a constatare il decesso dell’uomo arriva proprio sir Knightley che la rassicura sulla mancanza di segni in tal senso, e poi, non vorrà mica che qualcuno si metta ad indagare su una morte che potrebbe essere avvenuta per una eccessiva somministrazione di quell’oppio che proprio lei gli dava… con queste parole Knightley chiude la questione e si assume le spese per il funerale.Resta un mistero però ora, Jack l’aiutante è scomparso, non si è presentato neppure al funerale del suo datore di lavoro, che fine avrà fatto?Il racconto alle volte procede a rilento, ancora una volta dilungandosi forse un po’ troppo su alcuni punti già chiariti o concetti già espressi; fortunatamente si va avanti anche perché la questione si sta facendo sempre più avvincente. Ammetto però che questa digressione sulla secessione americana spero si concluda alla svelta perché non ha attinenze con gli eventi in corso e porta la storia fuori strada… voglio dire, c’è già abbastanza carne al fuoco, non c’è bisogno di metterne su altra che fra l’altro ci porta fuori dai suggestivi sobborghi londinesi. Finito il libro. Risolto il mistero della scomparsa di Jack, arrestato per sodomia, la cosa però passa abbastanza inosservata in quanto l’autrice tende a trascurare i carichi di lavoro relativi alla bottega per concentrarsi maggiormente sui nuovi punti emersi: La partenza di Din (verso cui ora la protagonista prova un sentimento di odio/amore, in quanto ritiene che i rapporti avuti con quest’ultimo possano essere stati per l’ex-schiavo una sorta di vendetta sull’uomo bianco) per partecipare alla guerra di secessione in America; Sylvia ripudiata dal marito sir Knightley (l’accusa è che il figlio non sia del legittimo consorte ma frutto dei lombi d’ebano di qualcuno dell’associazione), su questo secondo punto la Starling si prende molto tempo, sottolineando spesso e volentieri quanto la donna cacciata di casa dal marito crei un sacco di grattacapi alla sua nuova ospite, la povera Dora, che deve far fronte ai capricci di una donna viziata che ha pure una creatura appena nata appresso.E così si procede, più fra i litigi per la difficile convivenza nella vita quotidiana che altro, sino a quando non salta fuori un’inquietante realtà… l’ultima segreta novità esotica in fatto di pelli per rilegare: la pelle umana! (confesso che nonostante la tragicità del momento lì per lì mi è scappato un risolino perché mi è tornato alla mente un film di Fantozzi).Torniamo a noi, la signora Damage è venuta a conoscenza della raccapricciante pratica per il nuovo materiale di rilegatura, e dato che Sylvia non sa tenere il becco chiuso, ora Diprose e sir Knightley “sanno che lei sa” quindi decidono di sbarazzarsene in quanto inaffidabile, scomoda testimone, e quale modo migliore se non farle letteralmente il sedere a strisce?Ecco, fin qui la cosa ha ancora un senso logico e un aspetto verosimile, ma negli ultimi capitoli è davvero il delirio. Praticamente ogni evento (per quanto privo di senso possa essere) va ad incastrarsi in modo perfetto per condurre ad un lieto fine… fra incomprensioni, situazioni al limite del ridicolo ed escamotage di pura convenienza.Ne risulta un finale insipido (che ovviamente consacra la protagonista ad eroina) per un racconto che non ha mai realmente deciso dove andare a parare. L’idea iniziale era pure allettante e mi aveva spinto all’acquisto, ma da un lato è stata soffocata da sottotrame di dubbia utilità spesso abbandonate a loro stesse, e dall’altro non si è mai portato veramente avanti un discorso assolutamente stagnante per tutto il libro sino al repentino cambio di marcia finale, sbrigato però in fretta e furia e pure in modo sconclusionato.A conti fatti in questo libro ho trovato poco di ciò che mi aspettavo e anche considerandolo esclusivamente come storia che inizia, si evolve e si conclude mi è sembrata più un’accozzaglia di avvenimenti che un racconto ben strutturato. Peccato che l’autrice non sia riuscita a sviluppare bene quello che era veramente un ottimo spunto.

  • Orsolya
    2018-12-04 15:12

    You’re probably looking at the description for Belinda Starling’s “The Journal of Dora Damage and thinking, “Not yet ANOTHER Victorian-era novel based n sex, intrigue, murder, etc” while rolling your eyes. Well, stop being a Debbie Downer! “The Journal of Dora Damage doesn’t follow a traditional story arc, as one would expect. “The Journal of Dora Damage” lacks a “usual” introduction to the narrator (clearly, Dora in first person perspective), and her family. However, this is the prime case study for when “unusual” works. The reader is immediately plunged into what feels like a story already in progress; a moving, breathing thing. In fact, the book seems to have a pulsating, poetic, and yet strikingly narrative beat. One would think that being thrown into such a frenzy would not only lead to the prevention of “getting to know” the characters and feeling like important events are missed, but conversely, the reader instead feels not only like he/she is living the events with the characters (and therefore becoming familiar with their personalities); but the reader tends to feel that he/she IS one of the characters. The setting is also on-par, as Victorian England comes alive with beautiful, descriptive literary language which although intertwined with deeper thoughts and insight not only into the female psyche in the Victorian era but the female gender overall; is still manageable, easy to read, and flowing. As you read, you can hear the rain and feel the London filth stuck to your petticoats (and yet the grime is welcoming, alive, and attractive). Furthermore, the novel is ideal for bibliophiles as process of Victorian book-binding is explained using artistic technical jargon. This could prove to be tedious at times to the average reader unaware or uninterested in the book-creation world. Some of the occurrences are over-dramatized (I guess this is a Victorian-based novel, after all!); however these help to gain insight into the challenges of Victorian womanhood. Dora is strong and independent, yet not stuffy and knows her flaws; while showing her desperation, weaknesses, and obvious initial fear of living without her husband. Halfway through the already-compelling novel, the plot experiences several twists and turns which could arguably be described as “unbelievable”. However, Dora’s calm personality (mixed with her growth and confusion) results in the events to be understandable and convincing. Basically, the page-turner becomes even more so. Despite some of the exaggerated aspects; Starling skillfully and passionately weaves a unique narrative plot with underlying themes of a female’s intellectual, sexual, economic/social, racial and worldly awakening during the Victorian era. This rise from oppression to independence is well demonstrated and yet not overwhelming or shoved down the reader’s throat. The ending of “The Journal of Dora Damage” was slightly disjointed; feeling like it was dissected from the whole and was part of another book entirely. The writing style appears to change and be altered, while the plot loses some of its magic. At times, it becomes an annoying, standard Victorian romance while at others: just absurd. Simply put, the ending is weak in comparison to the enthralling aspects of book up until this point. Despite these flaws, “The Diary of Dora Damage” is still rather compelling, interesting, and quite a good book; especially for an author’s first offering. It is a shame that Belinda Starling passed from this world shortly after finishing this book because it would have been interesting to see what else she could have produced.

  • Sue
    2018-11-23 09:02

    Well, as the rating indicates, I really liked it. (And for those of you wondering why it took me so long to finish it, as it's been on my "currently reading" list forever, the answer is: it didn't take me that long, I just delayed updating my info as I wanted to write a thoughtful review, and life was in the way.)If you like stories set in Victorian London, and/or if you like stories about strong female characters who are nevertheless hemmed in by cultural circumstances, then you will like this book. Dora is hard-working, capable, and practical -- qualities that are entirely overlooked by her husband and recognized but exploited by his associates. When Dora's husband becomes too ill to work in his small book-binding business, she is forced to take over its operation just to stay solvent. (And in this case, interpret "solvent" in the Victorian sense, i.e., keeping food in your belly, a roof over your head, and your family out of debtor's prison.) Apparently, the fact that a WOMAN would dare to bind books was not only scandalizing, but illegal, since Dora was not a member of the trade union. Once the shadier element in the book-binding business gets wind of this information, Dora is reluctantly drawn into the lucrative but appalling business of binding volumes of lurid pornography for well-heeled, noble "collectors." To tell you how she finally extricates herself from this situation would require me to invoke the spoiler alert, which I don't want to do. But I do recommend it as a good read with a satisfying conclusion that does not require Dora to ride off into the sunset with a handsome hero. (This is not a romance novel, though Dora does find love for a time, as well as some really satisfying sex. Though this is not one of the pornographic novels she is binding, either. (-:) Along the way, the reader learns about some of the lesser-known features of Victorian society and a whole lot about the amount of work it took to bind a book by hand. (No wonder only the wealthy could afford them!)So, if the subject matter appeals to you, this book is worth your time. And, Karen, I am saving it for you!

  • Roberta
    2018-12-15 10:14

    Sono combattuta nel recensire queste 400 pagine. Iniziamo col dire che si legge facilmente e il tomo è stato pesante solo per i miei polsi, a letto, dopo una giornata passata sulla tastiera del computer. Però la storia, che inizia in una povera famiglia londinese, a un certo punto cambia tono. E lo fa pian piano, senza che tu te ne accorga subito, ma prima o poi si nota e stride un po'.Dora è la moglie di un rilegatore di libri abbastanza apprezzato, ma ormai in declino a causa della sua malattia. Il massimo sentimento che quest'uomo può suscitare è irritazione, ma passa subito dal momento che è ormai invalido e può essere ignorato facilmente. Dora quindi lo sostituisce in laboratorio per mandare avanti la baracca e sfamare la figlia, e alla fine diventa più brava e apprezzata di quanto non lo fosse lui. Per guadagnare di più accetta anche di rilegari testi scabrosi, poi apertamente pornografici (per l'epoca) e pericolosi. Si mischia quindi con quella creme cittadina che di giorno lavora come medico o avvocato, e la sera si ritrova con gli amici in un club privato dagli interessi ben circostanziati. In tutto questo si trova sul groppone uno schiavo di colore scappato dall'America, di cui si innamorerà, e la moglie di un suo committente, simpatica come un dente da devitalizzare. Insomma, ogni tanto c'è quella sensazione di essere arrivati vicino al "troppi input". Credo che l'autrice volesse raccontarci principalmente l'emancipazione di una donna, vedova in una società che comincia solo allora ad accettare che le donne lavorino e riescano a vivere senza dipendere dal marito. Però, andando avanti, il realismo iniziale si perde. E voglio dirla tutta: cos'è questo interesse delle donne inglesi per le sculacciate? C'era proprio bisogno del siparietto alla 50 sfumature? Ma anche no.

  • Miss Spring
    2018-11-22 08:03

    The journal of Dora Damage es un libro del que no esperaba nada, no había oído nada de él. Me ha encantado. La historia comienza con Dora, que se encuentra trabajando como encuadernadora de libros en lugar de su marido, Peter, que tiene un problema en las manos. A la vez tiene que cuidar de su hija, Lucinda, que es epiléptica. Dora tiene mucho talento, y pronto será conocida entre los aristócratas de la ciudad, que la llevará a ser el centro de una red de pornografía...Lo que más me ha gustado es la ambientación en la Inglaterra de 1850. Me sentía como si de verdad estuviera allí, en Lambeth, en Berkeley. También el gran trabajo de investigación que tuvo que hacer la autora (en las últimas páginas explican de dónde extrajo la información), y que dan a la historia mucho realismo, a pesar de lo inusual de la situación. A lo largo de la historia se van introduciendo más y más personajes, y se van otros, y me gustó que todos tuvieran su personalidad y no fueran planos, como pasa en muchos libros con muchos personajes. Es cierto que al final de la historia suceden cosas bastante extrañas y poco creíbles, pero no me daba tiempo a analizar porque no podía dejar de leer, estaba totalmente enganchada. En general me encantó, lo leí en inglés y había alguna palabra que no entendía (birch, apron) y que por mucho que la buscaba no se me quedaba para la siguiente vez que salía, pero creo que en general el inglés era sencillo. Es una pena que sea el único libro de la autora, porque leería todos.

  • Julie
    2018-12-15 11:01

    Tragically, this was the only book the author wrote before she passed away at a young age.I would classify this book as historical suspense. The author does an incredible job conveying the main character, Dora's, desperation, fright and lust. It's the first time in a long time that I "felt" the anxiety of the main character. I will say that if you are easily disturbed, this might not be for you, as it explores the early pornography trade, and the main characters discovery of herself as a sexual being. The author handles it well, it is not gratuitously graphic. Really a wonderful exploration of the early days of feminism in London, 1860, as Dora does what she has to do as a working woman (bookbinding) for survival for herself and her daughter.This is going to be one of my new "picks" on the library shelf. So sad the author won't continue to intrigue us with her wonderful writing.

  • ReaderSP
    2018-12-14 10:30

    This story follows Dora Damage as she takes over her ill husband's book binding business. A woman running a business is very frowned upon by her neighbours and customers but she needs to make a living to support her child. As money becomes harder to come by, she starts binding illegal pornographic books for her wealthier clients. As often happens in illegal business, she finds herself getting deeper and deeper into this new world of slavery, sex and money.This book really brings you into the sights, sounds and smells of 19th century London. I found the story a bit tricky to get into at first and I very nearly gave up but I am so glad that I didn't. Overall, the characters are very well written but I found Nora's romance a bit unbelievable and very predictable. I found the ending a bit weak but I still enjoyed the read.

  • Laura Locatelli
    2018-12-08 12:12

    E' stato il titolo ad attrarmi.Suonava come qualcosa di nascosto e proibito, qualcosa da sussurrarsi piano per non farsi sentire. E' per questo che l'ho comprato.E dopotutto, non è così lontano da quello che contiene questo libro.Parte subito con un diario, un inizio "dalla fine" che tendo a non apprezzare. Da grande fanatica del thriller preferisco un medias res. Però come libro si è fatto apprezzare. Ti affezioni subito alla protagonista, una donna della Londra vittoriana, che cerca di emanciparsi (prima dal marito, poi dalle varie figure maschili più o meno importanti, più o meno utili, che si avvicendano durante la sua vita) e nel contempo di sopravvivere con un marito ormai infermo e una figlia epilettica.Il voto non è pieno perché il finale resta un po' sospeso nell'irrealtà tipica dei romanzi, invece della cruda verità che ti aspetti da un libro ambientato nel 1800.

  • Anna
    2018-12-14 15:23

    Completely absorbing...loved it! A memorable array of beautifully described characters, and the descriptions of every day life in 1860's London for the 'lower-middle class' were gritty and believable. Best of all, the intriguing and sinister story at the core of the novel pulled me in and I couldn't put it down.

  • Koko
    2018-12-12 14:23

    Romanzo storico ambientato in epoca vittoriana, racconta la storia di Dora Damage, moglie di un rilegatore che a causa di una malattia non può più lavorare. La famiglia, tra cui una bambina piccola, sprofonderebbe nella povertà più nera se Dora non decidesse, in barba alle convenzioni del tempo e del marito, di riprendere la bottega. Infatti la Corporazione dei Rilegatori mal vede le donne che fanno questo mestiere, ipocritamente, visto che nelle legatorie industriali erano sfruttate e pagate male. Dora inizialmente compone taccuini per signora, ma cade poi nelle grinfie di alcuni spregiudicati nobili che le chiedono opere ben poco conformi alla morale: i Sauvages Nobles. Sinceramente, non ci ho visto molto del Profumo di Suskind, di quell'atmosfera morbosa che permea la storia di Jean Baptiste Grenuille. La Rilegatrice dei libri proibiti mi è sembrato un semplice romanzo storico su argomenti e un ambienti poco conosciuti dell'epoca vittoriana, piacevole tutto sommato, in certe parti incalzante come un thriller. Certo, alcuni episodi sono piuttosto disturbanti e a volte la protagonista pecca di ingenuità, come per esempio nelle fasi finali della malattia del marito. Altra cosa che non ho trovato molto ben spiegata è il motivo dell'allontanamento di lady Sylvia da parte del marito. Un punto invece molto a favore è il personaggio della figlia della protagonista, mai banale, tenero e interessante come spunto, non ho letto molti libri in cui l'essere genitori e mamme fosse descritto in modo così intenso e originale. Un libro non male, insomma, mi dispiace che la scrittrice sia morta a soli 34 anni per le complicazioni di un semplice intervento medico, mi sarebbe molto piaciuto leggere altre sue storie dopo questa più che promettente per un roseo futuro.

  • Ad Estrada
    2018-11-16 12:05

    Historia entretenida que cuenta la vida de una mujer de la época victoriana que ante la enfermedad de su esposo tiene que hacerse cargo del negocio familiar, un taller de encuadernación. Aunque la historia es buena y la investigación para retratar la vida de los londinenses en la época victoriana fue extensa, el problema es que abarca demasiado, se convierte en libro de aventuras, manual de encuadernación, reseña de libros eróticos, historia de la esclavitud en EEUU ... y hay que decir que hay partes que no cuadran muy bien. Pero aún con todo es recomendable.

  • Renae
    2018-12-14 08:07

    Two words: Deliciously salacious. With that said: I'm SO upset this was Starling's first and--having been published posthumously--ONLY novel. It's one of the best, most tightly-plotted, intimately-drawn tales I've read in a very long time. I was lucky to stumble upon this gem, and I'm heartbroken there won't be any others.

  • Nimbex
    2018-12-13 10:23

    Prometedora primera novela, lástima que también sea la última ya que la autora murió poco después de terminarla. Lo que más me ha gustado es lo bien que describe el Londres victoriano y el oficio de la encuadernación; la historia es interesante y engancha más y más a medida que avanza. Recomendable.

  • janetandjohn
    2018-12-05 12:02

    Lovely old fashioned heroine, and the whole book was a delight. Dora is widowed, and must take over a printing and bookbinding business at a time when women just did not do those things. Nat say Dora is one of her top 10 heriones.... mine too!

  • Patrizia
    2018-11-27 12:03

    Nell'Inghilterra vittoriana una donna prende il posto del marito, rilegatore costretto all'inattività per un'artrite reumatoide. Si trova così ad entrare nel "mondo del vizio", lavorando su libri "immorali" che la legge ha messo al bando. Frammentario e didascalico, buona l'ambientazione

  • Charlou Lunsford
    2018-11-19 12:04

    A bit of unexpected fun.

  • Alexa
    2018-11-17 12:30

    Bellissimo

  • Alan Pilkington
    2018-12-06 14:30

    Unconventional, atmospheric, chronicles a resourceful woman making her way in a man's world aided by a group of similarly downtrodden characters.u

  • Neil
    2018-12-07 11:01

    Don’t tattoo your bottom

  • Francesco
    2018-12-06 09:27

    Pulp Historical Fiction.Merita un film di Tarantino (anche se la collocazione cronologica non è consueta)